Aggiustatutto.it

Il primo sito italiano sul faidate

Stufe elettriche a confronto E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Rubriche - Gocce di energia
Scritto da Massimo Bernardini   

stufa elettricaIn molte abitazioni con i riscaldamenti classici non bene dimensionati o per un maggior confort in situazioni particolari, si ha necessità di integrare calore con una stufa elettrica. In questo spazio ci occuperemo di descrivere le caratteristiche e il miglior utilizzo di due tipi di stufe molto diffuse, la stufa elettrica termoventilata e la stufa elettrica ad infrarossi.

stufa elettrica termoventilata 
La stufa termoventilata è tra le più economiche e più semplici. Una resistenza elettrica è raffreddata da un ventilatore che diffonde calore nell'ambiente. La caratteristica principale di questo tipo di stufa è la compattezza e la rapidità di riscaldamento che può essere utilizzata prima dell'arrivo a regime dell'inpianto di riscaldamento primario. La maggior parte di queste stufe hanno potenze considerevoli, fare quindi attenzione a non utilizzarle in concomitanza con altri elettrodomestici che assorbono molta energia. Si consiglia di utilizzarla per brevi periodi in ambienti chiusi e puliti in quanto il movimento d'aria generato dal ventilatore potrebbe sollevare polvere. Lo stesso ventilatore genera un livello di rumore che in alcuni casi può essere fastidioso.

 

stufa infrarossiLa stufa ad infrarossi è caratterizzata da elementi resistivi particolari che più di altri, riscaldandosi, emettono onde elettromagnetiche nella banda dell'infrarosso. Nulla di allarmante per ciò che riguarda le onde elettromagnetiche, sono solo una piccola parte di quelle che riceviamo dal sole quotidianamente. La particolarità di queste stufe è che non hanno ventilatore e quindi non emettono rumore. I livelli minimi di potenza permettono l'utilizzo contemporaneo con altri elettrodomestici. Tranne che per la parte di calore generata dall'effetto resistivo degli elementi, questa stufa trasferisce il calore per irraggiamento esattamente come il sole. Risulta efficace anche in ambienti non perfettamente chiusi o quando non si ha necessità di riscaldare tutto l'ambiente, ma una postazione fissa di lavoro. Da preferire alle classiche stufe termoventilate per l'ambiente bagno, prima e dopo della doccia. Infatti a corpo nudo e soprattutto bagnato, l'effetto vento generato dal termoventilatore non è poi così piacevole quanto l'effetto radiante della stufa a infrarossi, con un notevole risparmio di energia.

 

Aggiungi commento

Il commento deve essere breve e strettamente inerente all'argomento trattato. Prima di postare il commento sfoglia quelli già presenti, potresti trovare la tua risposta.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli suggeriti

Chiudi finestra X

evita il banner esegui
il login o registrati