Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1
  • 2

ARGOMENTO: Misuratore di consumo da 5 KW

Misuratore di consumo da 5 KW 11/04/2019 17:02 #40328

  • Gibor
  • Avatar di Gibor
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2360
  • Karma: 29
  • Ringraziamenti ricevuti 126
Il misuratore di consumo elimina ogni dubbio per tutti, ma se fosse solo per quantificare una volta per tutte il costo d'esercizio, basta una comune pinza amperometrica per misurare quanti ampère assorbe.
Pa=VxI > 230Vx(la corrente misurata) danno la potenza apparente istantanea che corrisponde al kWh se quel valore fosse mantenuto per un'ora di contino.
Dividi (o moltiplica) per gli effettivi minuti del ciclo ed ottieni i kWh reali del singolo utilizzo.
Anche se tutti questi dati dovrebbero già essere in targa dell'apparecchio...

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Ultima modifica: da Gibor.

Misuratore di consumo da 5 KW 11/04/2019 23:53 #40331

  • giovanni
  • Avatar di giovanni Autore della discussione
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2074
  • Karma: 15
  • Ringraziamenti ricevuti 71
Si, sulla targa c'è scritto : 5KW la potenza della resistenza scaldante e 190W il motore che fa girare il cestello. Però quella potenza indica solo l'assorbimento massimo, mentre il consumo effettivo dipende anche dalla temperatura che viene impostata su un commutatore. Difatti si possono scegliere diversi tipi di ciclo: normale, sintetici, capi delicati e lana. Se facciamo il confronto fra i due estremi, normale e lana, viene fuori una differenza di consumo molto elevata. Difatti se ipotizziamo il ciclo normale a 60° e la lana a 30°, praticamente il ciclo della lana costa la meta dell'altro. Poi ci sono le varie posizioni intermedie degli altri cicli; anche se il grosso del consumo è riferito al ciclo normale alla temperatura più alta.
Poi ci sono le variazioni della potenza assorbita dal motore: un conto è metterci 4kg di panni e un altro è caricare la macchina al massimo (mi pare 10kg). Quindi praticamente non esiste un ciclo uguale all'altro... e per stabilire un valore attendibile di un gettone occorre aspettare la fine dell'anno: vedere quanto è venuto in euro il totale delle bollette e, in base al numero dei KWh consumati, ricavare il costo unitario del KWh. Quindi andare a vedere cosa segna il sottocontatore che abbiamo installato a monte della presa dell'essiccatore e in base a quello, visto che un gettone dura 20 minuti, stabilirne il costo.
Se per esempio in fondo all'anno il sottocontatore ha segnato 500KWh e i gettoni inseriti sono, sempre per esempio, N.180, facendo 500:150:3 risulta un costo di 1 gettone pari a €1.11. Poi è chiaro che quello che ha fatto più cicli delicati, in effetti ha consumato meno di chi ha fatto tutti cicli ad alta temperatura e ha pagato la stessa cifra degli altri. Quindi ci ha rimesso.
Ma questo è solo per voler spaccare il capello in 4... perché a tutti può capitare di fare dei cicli a basse temperature e di caricare di più o di meno il cestello. In linea di principio, per sfruttare al massimo il calore delle resistenze, la macchina andrebbe caricata sempre al massimo... anche se in quelle condizioni aumenta un po il consumo del motore.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Misuratore di consumo da 5 KW 12/04/2019 07:52 #40332

  • Gibor
  • Avatar di Gibor
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2360
  • Karma: 29
  • Ringraziamenti ricevuti 126
Io mi riferivo all'etichetta energetica (se esiste nella tua) che comprende appunto una media di utilizzo.
Ma con quello che mi dici sopra capisco che condividerne l'uso ed i costi in condominio non sia cosa tanto semplice...
www.bsdspa.it/frigoriferi-e-congelatori-...li/26-asko/index.php

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Misuratore di consumo da 5 KW 12/04/2019 14:36 #40340

  • giovanni
  • Avatar di giovanni Autore della discussione
  • Offline
  • Platinum Boarder
  • Platinum Boarder
  • Messaggi: 2074
  • Karma: 15
  • Ringraziamenti ricevuti 71
Con questo link mi si è aperto un nuovo mondo. Difatti il riscaldamento a resistenza per l'aria calda è superato in tutto e per tutto.
Tutto considerato, visto la possibilità di mettere una essiccatore a pompa di calore con una spesa neanche troppo esagerata, perde di significato continuare a sprecare soldi per usare un essiccatore di 25 anni fa e, in più, buttare ulteriormente soldi per un sottocontatore. Difatti se il costo di un ciclo di asciugatura tornasse a livelli accettabili, si potrebbe anche pensare di prendere una macchina anche senza gettone... e sarebbe un vantaggio per tutti.
Grazie Gibor, appena posso lo farò presente all'amministratore per mettere l'argomento all'ordine del giorno della prossima assemblea.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Ultima modifica: da giovanni.
  • Pagina:
  • 1
  • 2
Tempo creazione pagina: 0.373 secondi
Powered by Forum Kunena