Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Pin It

saldatore stagnoOgni volta che si accende un saldatore a stagno, è opportuno effettuare la stagnatura della punta. Nelle diverse descrizioni riguardanti la saldatura a stagno, chiameremo questa fase "preparazione del saldatore" che comprenderà queste semplici accortezze.

Nei molti modelli di saldatori, le punte sono realizzate in rame, oppure in leghe speciali molto resistenti.

punta di saldatore a stagno in fase di limatura
Le punte in rame, consumandosi e deformandosi con l'uso, necessitano di una limata (a freddo), finchè, la punta stessa riassuma un giusto profilo. Per rimuovere l'ossido che si forma su tutto il corpo della punta, si può utilizzare una piccola spazzola d'acciaio.
Nessuna manutenzione del genere va riservata per le punte in lega.
La stagnatura di queste è la fase successiva. Accendete il saldatore e attendete qualche minuto per farlo arrivare a temperatura. Strofinatelo velocemente sull'apposita spugnetta umida (o con uno straccetto di cotone inumidito) e stagnate la punta bagnandola bene con il filo di stagno, strofinandola successivamente di nuovo sulla spugnetta. Ora la punta vi appare omogenea di colore stagno, pronta a saldare.

Video riassuntivo

Pin It

Commenti  

+1 #2 bartolomeoguidotti 2013-07-17 17:06
questo sito è una fonte fantastica di suggerimenti e idee, bravi
Citazione
+2 #1 Franco 2011-11-30 22:43
Oggi si trovano in commercio dei piccoli contenitori al cui interno si trova un composto idoneo per ravvivare la superficie del saldatore, si immerge la punta per pochi secondi poi si passa la punta stessa sulla spugnetta e la vita della punta sarà migliorata.
Citazione