loading

Elettrodi fusibili per saldatura MMA

Gli elettrodi per saldatura sono sempre più utilizzati nel settore della carpenteria leggera: vediamo le caratteristiche tecniche principali.
Gli elettrodi per saldatura sono sempre più utilizzati nel settore della carpenteria leggera: vediamo le caratteristiche tecniche principali.

Gli elettrodi per saldatura, sono composti da una bacchetta metallica e da un rivestimento che li ricopre per quasi tutta la lunghezza, lasciando scoperta una sola estremità per il collegamento elettrico alla pinza della saldatrice.

La lunghezza degli elettrodi più comuni è di 30 cm. La misura del diametro non tiene conto dello spessore del rivestimento e fa riferimento alla sola anima metallica.

I più utilizzati per i lavori fai da te e dai professionisti del settore della carpenteria leggera, sono i diametri 2 e 2,5.
Il rivestimento degli elettrodi è di fondamentale importanza. Esso favorisce e protegge l’arco elettrico, trasporta in superficie del bagno di fusione le impurità e crea uno strato protettivo di separazione tra il bagno di fusione e l’aria circostante (ossigeno e azoto). In base al tipo di rivestimento può anche fornire elementi di lega che conferiscono alla saldatura, migliori caratteristiche meccaniche. A processo terminato il cordone di saldatura è ricoperto da uno strato di scoria cristallina che deve essere rimossa con un martello.
Restando nell’argomento che più ci riguarda, ossia la saldatura degli acciai dolci o comuni (ciò che erroneamente definiamo ferro) gli elettrodi più diffusi sono a rivestimento rutile. Essi presentano una bacchetta metallica interna anch’essa di acciaio dolce e un mix di elementi di rivestimento esterno che a scapito di altre caratteristiche, facilitano la scorrevolezza e la fusione dell’elettrodo, formando cordoni di saldatura regolari e di piacevole aspetto. Questi elettrodi possono funzionare con saldatrici in (C.A.) corrente alternata e (C.C.) corrente continua, preferibilmente a polarità diretta ossia con il polo negativo connesso all’elettrodo.

In questa tabella alcune caratteristiche riportate sulla confezione contenente gli elettrodi o nelle specifiche tecniche.
corrente polarità diametro mm ampere
C.A.C.C. polo negativo 1,5 20÷40
2,0 40÷60
2,5 60÷90
3,25 90÷130
4,0 130÷180
5,0 180÷250

Indica i valori nominali di corrente in base al diametro dell’elettrodo. Da questi dati è possibile capire il massimo diametro utilizzabile dalla saldatrice e il valore approssimativo sulla regolazione della corrente. In questo caso gli elettrodi possono essere applicati a saldatrici a C.A. (corrente alternata) e anche in C.C. (corrente continua) con il polo negativo connesso all’elettrodo.

posizioni idonee saldatura elettrodo
La posizione di saldatura. Questo parametro stabilisce quanto l’elettrodo si presti alla realizzazione delle saldature nelle diverse posizioni. L’indicazione è fornita sotto forma di testo o rappresentata da disegni o simboli.

scatola elettrodi fusibili

Tutte le caratteristiche degli elettrodi sono riassunte con una serie di numeri e lettere stampate sulla confezione e su ogni elettrodo e fanno riferimento ad una delle due normative adottate: AWS e (o) UNI.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

2010-09-26 17:14:28
Link copiato negli appunti