loading

Saldatori a stagno

In commercio esistono varie tipologie di saldatori a stagno, vediamo quali sono le differenze e in base a quali criteri acquistali.
In commercio esistono varie tipologie di saldatori a stagno, vediamo quali sono le differenze e in base a quali criteri acquistali.

In tutte le saldature per connessioni elettriche o per saldature di lamiere, sono usati i saldatori elettrici, detti a pistola a martello e a manico. In alcuni casi si fa uso di saldatori alimentati a gas, a batteria, oppure preriscaldati.

Tutti questi saldatori si differenziano per la loro forma ma soprattutto per la loro potenza.

Per effettuare una saldatura di un componente elettronico sopra un circuito stampato, useremo un saldatore di piccola potenza, solitamente a manico. Per le saldature di lamiere, useremo il tipo a martello, di media potenza, fino ad arrivare a saldatori alimentati a gas, per superfici e spessori più grandi. I saldatori a gas di grande potenza qui citati, non devono essere confusi con i comodissimi saldatori portatili, sempre alimentati a gas, ma di piccola potenza, ottimi dove non è possibile usufruire di energia elettrica. Nel campo idraulico, in alcune applicazioni sono usate anche fiamme libere, per mezzo di lanterne, generate da gas, per la saldatura dei tubi di scarico.

saldatori a stagno vario genere

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

2010-05-12 07:21:58
Link copiato negli appunti