loading

Superbonus 110%: per iniziare i lavori basta la CILA

Arrivano grandi novità per quanto riguarda il superbonus al 11'% con la conversione in legge del DL Semplificazioni.
Arrivano grandi novità per quanto riguarda il superbonus al 11'% con la conversione in legge del DL Semplificazioni.

Novità per il Superbonus al 110%. Con la conversione in legge del Decreto semplificazioni sarà più facile accedere al Superbonus 110% grazie alla presentazione al Comune della sola Cila, la comunicazione di inizio lavori asseverata.

Così ha spiegato il ministro per la pubblica amministrazione Renato Brunetta per cui dal 1 giugno 2021 i lavori agevolati con il superbonus, saranno considerati di manutenzione straordinaria per cui sarà necessario solo richiedere al comune la CILA, la Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata.

In particolare, tutti gli interventi che rientrano nel Superbonus (compresi quelli che riguardano parti strutturali degli edifici e i prospetti) potranno essere realizzati con una semplice comunicazione al Comune, asseverata dal tecnico (CILA- Superbonus). Sono esclusi solo gli interventi che prevedono la demolizione e la ricostruzione degli edifici.

Nella CILA dovranno essere indicati gli estremi del permesso di costruire o del provvedimento (data di rilascio, etc.) che ha legittimato l’immobile. Per gli edifici più antichi è sufficiente dichiarare che la costruzione dell’immobile è stata completata prima del primo settembre 1967

Superbonus 110%

Il superbonus al 110% è un’agevolazione che eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022, per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Il superbonus è fruibile nella dichiarazione dei redditi da ripartire tra gli aventi diritto in 5 quote annuali di pari importo e per le spese sostenute nel 2022 in 4 quote annuali di pari importo, entro i limiti di capienza dell’imposta annua derivante dalla dichiarazione dei redditi. Tra le novità introdotte, è prevista la possibilità, al posto della fruizione diretta della detrazione, di optare per un contributo anticipato sotto forma di sconto praticato  dai fornitori dei beni o servizi o, in alternativa, per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante. In questo caso si dovrà inviare una comunicazione per esercitare l’opzione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

2021-07-30 07:44:34
Link copiato negli appunti