loading

Bonus facciate al 90% per i parapetti dei balconi

Secondo le Entrate il “bonus facciate” spetta per le spese sostenute per l'intervento sui parapetti dei balconi, trattandosi di elementi costitutivi del balcone stesso.
Secondo le Entrate il “bonus facciate” spetta per le spese sostenute per l'intervento sui parapetti dei balconi, trattandosi di elementi costitutivi del balcone stesso.

Recuperare e restaurare la facciata esterna degli edifici permette di godere del bonus facciate,  una detrazione d’imposta del 90% per le spese documentate, sostenute nel 2020 e nel 2021 ed effettuate tramite bonifico bancario o postale, da ripartire in 10 quote annuali costanti e di pari importo, senza limiti massimi di spesa, né un limite massimo di detrazione.

Bonus facciate al 90%: gli interventi ammessi

Possono usufruire del bonus facciate tutti i contribuenti, residenti e non residenti nel territorio dello Stato, soggetti Irpef e soggetti passivi Ires, che possiedono a qualsiasi titolo l’immobile oggetto di intervento. La detrazione fiscale al 90% non spetta a chi possiede esclusivamente redditi assoggettati a tassazione separata o a imposta sostitutiva. Gli interventi agevolati devono essere quelli finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti, di qualsiasi categoria catastale, compresi gli immobili strumentali. Gli edifici devono trovarsi nelle zone A e B, individuate dal decreto ministeriale n. 1444/1968, o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai regolamenti edilizi comunali.

Sono ammessi al bonus facciate interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi, compresi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna. Il bonus non spetta, invece, per gli interventi effettuati sulle facciate interne dell’edificio, se non visibili dalla strada o da suolo ad uso pubblico.

Le precisazioni dell’Agenzia delle entrate

Recentemente l’Agenzia delle Entrate ha precisato anche il “bonus facciate” spetta al contribuente per le spese sostenute per l’intervento sui parapetti dei balconi, trattandosi di elementi costitutivi del balcone stesso.  Queste le precisazioni dell’Agenzia delle entrate contenute nella risposta n. 482 del 15 luglio 2021.Quanto, invece, all’installazione di corpi illuminanti a soffitto o a parete, in corrispondenza degli stessi balconi, al fine di dare risalto all’architettura dell’edificio anche nelle ore notturne, l’agevolazione spetta solo in presenza di motivi “tecnici”, da verificare nel caso concreto

 

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

2021-07-20 13:02:26
Link copiato negli appunti