loading

Superbonus: lavori deducibili in caso di vendita dell'immobile

Superbonus: ecco cosa accade con la tassazione in caso di vendita dell'immobile, tutti i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate.
Superbonus: ecco cosa accade con la tassazione in caso di vendita dell'immobile, tutti i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate.

Grande novità nel novero delle detrazioni fiscali per interventi in casa è il Superbonus, la maxi detrazione introdotta dal Decreto Rilancio che  eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022, per una serie di interventi che vanno da quelli in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Superbonus: la tassazione in caso di vendita dell’immobile

I lavori che rientrano nel Superbonus al 110% si distinguono in:

  • lavori trainanti: interventi di isolamento termico sugli involucri; sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni; sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti; interventi antisismici
  • lavori trainati: interventi di isolamento termico sugli involucri; sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni; sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti; interventi antisismici.

Proprio sul Superbonus si sofferma un articolata risposta ad una domanda avanzata all’Agenzia delle Entrate ( Risposta n. 204 del 2021) in cui, tra le altre cose, si è chiesto all’Amministrazione di fornire chiarimenti in merito alla tassazione prevista in caso di vendita dell’immobile su cui sono stati eseguiti lavori di efficientamento energetico.

Nel dettaglio, il caso esaminato dall’Agenzia ha riguardato un privato che ha sottoscritto un preliminare per la vendita del suo immobile e, trattandosi di una vendita infraquinquennale, ha chiesto all’Agenzia se potesse dedurre dal prezzo di vendita le spese sostenute per la ristrutturazione ai fini del calcolo della plusvalenza tassabile. Ebbene l’Agenzia ha precisato che, se si realizzano interventi agevolati con il Superbonus al 110% e, prima che passino cinque anni, si vende l’immobile, le spese sostenute per i lavori sono deducibili dalla plusvalenza da tassare. Questo perchè, a  detta dell’Agenzia, le spese per la realizzazione degli interventi agevolati con il Superbonus incrementano il valore dell’immobile e di conseguenza, tali spese sono deducibili dalle plusvalenze.

L’Agenzia in sostanza fa propria una sentenza della Corte di Cassazione (16538/2018) in cui i giudici hanno stabilito che i costi inerenti al bene sono deducibili dalla plusvalenza tassabile. Tali costi inerenti al bene sono quelli relativi all’acquisto, come ad esempio spese notarili e imposte, e quelli che comportano un aumento del valore e della consistenza economica del bene, nel caso di specie gli interventi rientranti nel superbonus al 110%.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

2021-04-07 13:21:40
Link copiato negli appunti