loading

Bonus mobili 2021: i lavori di ristrutturazione che danno diritto allo sconto al 50%

Ecco quali lavori realizzati sul singolo immobile danno diritto al bonus mobili per l'acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici.
Ecco quali lavori realizzati sul singolo immobile danno diritto al bonus mobili per l'acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici.

Eseguendo lavori di ristrutturazione in casa si può godere della detrazione fiscale al 50% con limite massimo di spesa pari a 96mile euro per unità immobiliare e del bonus mobili.

Il bonus mobili in particolare è una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. L’agevolazione può essere richiesta anche per gli acquisti che si effettuano nel 2021, ma può essere richiesta solo da chi realizza un intervento di ristrutturazione edilizia iniziato non prima del 1° gennaio 2020. Per gli acquisti effettuati nel 2020, invece, è possibile fruire della detrazione solo se l’intervento di ristrutturazione è iniziato in data non anteriore al 1° gennaio 2019. Il limite massimo di spesa è per il 2021 è di 16mila euro per unità immobiliare.

Bonus mobili 20201: per quali lavori di ristrutturazione spetta

Per avere il bonus mobili è necessario eseguire lavori di ristrutturazione. In particolare, come precisa l’Agenzia delle Entrate nella sua guida on line, per avere la detrazione fiscale per l’acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici occorre eseguire tali interventi edilizi:

  • manutenzione straordinaria
  • restauro e risanamento conservativo,
  • ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti.
  • ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza
  • manutenzione straordinaria solo su parti comuni di edifici residenziali come l’installazione di ascensori e scale di sicurezza, la realizzazione dei servizi igienici, la sostituzione di infissi esterni con modifica di materiale o tipologia di infisso, il rifacimento di scale e rampe, la realizzazione di recinzioni, muri di cinta e cancellate, la costruzione di scale interne e la sostituzione dei tramezzi interni senza alterazione della tipologia dell’unità immobiliare.

Il bonus mobili spetta anche quando i beni acquistati sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio, oppure quando i mobili e i grandi elettrodomestici sono destinati ad arredare l’immobile ma l’intervento cui è collegato l’acquisto viene effettuato su una pertinenza dell’immobile stesso, anche se accatastata autonomamente.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

2021-07-23 13:25:09
Link copiato negli appunti