loading

Bonus mobili anche per l'acquisto del materasso nuovo

Fino alla fine dell'anno chi esegue lavori di ristrutturazione e acquista mobili nuovi tra cui materassi ha diritto alla detrazione fiscale al 50%.
Fino alla fine dell'anno chi esegue lavori di ristrutturazione e acquista mobili nuovi tra cui materassi ha diritto alla detrazione fiscale al 50%.

Un buon riposo che permette di affrontare carichi la giornata parte dalla scelta di un buon materasso. E fino alla fine dell’anno c’è un motivo in più per cambiarlo. Tra i mobili nuovi che è possibile acquistare fruendo del bonus mobili anche il materasso. Occorre però rispettare alcune precise condizioni. Vediamo quali sono.

Bonus mobili 2021: cos’è

Tra le varie agevolazioni fiscali previste per chi esegue lavori in casa anche per il 2021 troviamo il bonus mobili. Si tratta di una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. L’agevolazione è stata prorogata anche per gli acquisti che si effettuano nel 2021, ma può essere richiesta solo da chi realizza un intervento di ristrutturazione edilizia iniziato non prima del 1° gennaio 2020. Per gli acquisti effettuati nel 2020, invece, è possibile fruire della detrazione solo se l’intervento di ristrutturazione è iniziato in data non anteriore al 1° gennaio 2019.

Bonus mobili per comprare il materasso nuovo

Il bonus mobili spetta per l’acquisto di mobili nuovi come armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, apparecchi di illuminazione e anche letti e materassi.

Quindi per chi avesse la possibilità può decidere di cambiare la stanza da letto comprando il letto nuovo e un nuovo materasso. Tra le spese da portare in detrazione si possono includere quelle di trasporto e di montaggio dei beni acquistati.

Per avere il bonus mobili, è necessario però eseguire un intervento di ristrutturazione, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti e su parti comuni di edifici residenziali anche lavori di manutenzione ordinaria. Per avere il bonus mobili occorre effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito, mentre non è consentito, invece, pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.

 

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

2021-05-11 10:23:32
Link copiato negli appunti