loading

Bonus mobili nella dichiarazione dei redditi: ecco come averlo

Via libera alla detrazione fiscale al 50% per l'acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici collegato alla ristrutturazione.
Via libera alla detrazione fiscale al 50% per l'acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici collegato alla ristrutturazione.

Il bonus mobili  è una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

Il limite massimo di spesa è per il 2021 è di 16mila euro per unità immobiliare. Il bonus si scarica nella denuncia dei redditi. A tal proposito nella posta di Fiscoggi, la rivista telematica dell’Agenzia delle entrate è stato chiesto come inserire nella dichiarazione dei redditi le spese per l’acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici per cui fruire del bonus mobili.

Bonus mobili 2021: come indicarlo nella dichiarazione dei redditi

L’Agenzia risponde sottolineando che il contribuente dovrà indicare nella dichiarazione dei redditi (nel rigo E57 – colonna 2 “Spesa arredo immobile” – del modello 730, o nel rigo RP57 se compila il modello Redditi Pf) l’importo massimo ammissibile di 10.000 euro.
Infine, l’Agenzia ricorda che, per poter richiedere legittimamente la detrazione, la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione deve essere precedente a quella in cui si acquistano mobili e grandi elettrodomestici. Non è fondamentale, invece, che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’immobile.

Il bonus mobili spetta per l’acquisto di mobili nuovi elettrodomestici nuovi per esempio: letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione e grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni e lavasciuga), come rilevabile dall’etichetta energetica. Tra questi rientrano per esempio: frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavasciuga e asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi per la cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

Per avere il bonus mobili occorre effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito, mentre non è consentito, invece, pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.

Si ricorda che per avere il bonus mobili occorre eseguire lavori di ristrutturazione. Il bonus mobili spetta anche quando i beni acquistati sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio, oppure quando i mobili e i grandi elettrodomestici sono destinati ad arredare l’immobile ma l’intervento cui è collegato l’acquisto viene effettuato su una pertinenza dell’immobile stesso, anche se accatastata autonomamente.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

2021-07-26 13:33:23
Link copiato negli appunti