loading

Come pulire un pavimento in cementine

Le cementine sono tanto belle quanto complesse da pulire e mantenere. Ecco come comportarsi quando si tratta della loro pulizia sia quotidiana che periodica.
Le cementine sono tanto belle quanto complesse da pulire e mantenere. Ecco come comportarsi quando si tratta della loro pulizia sia quotidiana che periodica.

Particolarmente utilizzate a cavallo fra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento nei palazzi delle grandi città, ancora oggi alcune case presentano pavimenti realizzati in “cementine”, una particolare tipologia di piastrella colorata in pastina di cemento tanto bella da vedere, quanto complessa da pulire.

Per prima cosa è importantissimo tenere a mente che i prodotti contenenti acidi possono danneggiare irrimediabilmente queste particolari piastrelle, corrodendone la superficie. Perciò è consigliabile evitare assolutamente disincrostanti per cemento, acidi (nitrico, muriatico, cloridrico, ammoniaca), detergenti anti-calcare oppure aggressivi sulle superfici. Inoltre vista la loro particolare delicatezza, è meglio evitare di trascinarvi sopra sedie, tavoli oppure mobili che potrebbero graffiare le cementine.

Come fare, dunque, per pulirle efficacemente e al tempo stesso preservarne l’antico splendore? Per la pulizia ordinaria, è sufficiente impiegare della semplice acqua con sapone neutro – ad esempio quello di marsiglia – dopo aver provveduto alla rimozione della polvere con una scopa o l’aspirapolvere. Se questo metodo non dovesse funzionare, esistono in commercio dei detergenti specifici per clementine da diluire con l’acqua. Nelle giunte fra una mattonella e l’altra possono essere passate delle spazzole speciali in grado di ammorbidire e quindi eliminare efficientemente lo sporco.

I pavimenti in cementine sono molto belli e scenografici, ma bisogna saperli apprezzare e soprattutto mantenere al meglio. Perciò è importante pianificare una pulizia profonda periodica delle superfici e proteggerle dove possibile impiegando della cera per pavimenti in pasta (meglio se applicata con una lucidatrice per ottenere risultati migliori ed efficienti), in grado di donare brillantezza, che formerà sul nostro pavimento una sorta di barriera protettiva contro sporco, macchie d’unto e segni di usura dovuti dal tempo. Un’altra piccola accortezza ma estremamente utile per prevenire sporco e graffi è dotarsi di un tappeto esterno che permetta di pulire le scarpe prima di entrare in casa, annullando così il rischio di imbrattare i pavimenti.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

2021-06-22 07:00:25
Link copiato negli appunti