loading

Miglior raffrescatore evaporativo 2022: come funziona e opinioni

Vediamo cos'è e come funziona un raffrescatore evaporativo: guida alla scelta dei migliori in base alle opinioni e recensioni degli utenti.
Vediamo cos'è e come funziona un raffrescatore evaporativo: guida alla scelta dei migliori in base alle opinioni e recensioni degli utenti.

Cos’è un raffrescatore evaporativo? Se non ne hai mai sentito parlare, o sei curioso di conoscere di più sull’argomento, all’interno di questa guida illustreremo tutto ciò che c’è da sapere su questo particolare dispositivo per la casa di cui si sente poco parlare. Il raffrescatore evaporativo si trova a metà strada fra un ventilatore e un condizionatore e sfrutta un sistema di nebulizzazione dell’acqua che permette un abbassamento della temperatura – anche durante le giornate più torride – in maniera del tutto naturale, ovvero senza l’utilizzo di gas come nei normali climatizzatori. Vediamo insieme come funziona nel dettaglio, i vantaggi, gli svantaggi, opinioni e i migliori raffrescatori che puoi acquistare nel 2022.

Miglior raffrescatore evaporativo: opinioni e recensioni 2022

Se sei alla ricerca di un raffrescatore evaporativo, ecco una classifica dei migliori da acquistare, con caratteristiche e prezzi.

Black&Decker BXAC5E Raffrescatore evaporativo

Black&Decker BXAC5E Raffrescatore evaporativo

Uno fra i raffrescatori evaporativi più economici è quest’ottimo prodotto a marchio Black+Decker dalle dimensioni piuttosto compatte (30 x 27,5 x 60 cm), progettato appositamente per essere trasportato all’interno della casa (è fornito di comoda maniglia e ruote) senza ingombrare troppo. Dal punto di vista tecnico, ci troviamo di fronte ad un apparecchio dalla duplice funzione di raffrescatore e umidificatore, dotato di tre velocità variabili per ottenere il maggior comfort possibile e di un sistema oscillante ad ampio raggio che distribuisce il flusso d’aria fresca da 270 m³/h uniformemente in tutti gli angoli dell’ambiente in cui si trova. Il serbatoio estraibile presenta una capacità di acqua fino a 5 litri: nulla di eccezionale, ma adeguato per il prezzo ed è in grado di prolungarne effettivamente la durata di utilizzo diminuendo al tempo stesso la necessità di ricarica continua. In dotazione troviamo anche comodi contenitori per il ghiaccio. In termine di consumi, il prodotto presenta una potenza da 80 W e rumorosità pari a 65 dB.

Questo raffrescatore evaporativo Black&Decker è fra i più economici in commercio, con un ottimo rapporto qualità/prezzo: 84,00 euro

Olimpia Splendid 99312 Peler Tower

Olimpia Splendid 99312 Peler Tower

Prezzo leggermente più alto, ma giustificato da qualche funzionalità extra per questo raffrescatore evaporativo a marchio Olimpia Splendid. Dal design elegante e particolarmente compatto a forma di torre cilindrica (32 x 32 x 110 cm), il prodotto presenta una base rotante studiata appositamente per garantire una migliore diffusione dell’aria (portata massima del raffrescatore: 300 m³/h) nell’ambiente in cui si trova. Dispone inoltre di tre diverse velocità di ventilazione, regolabili a piacimento attraverso il pratico display con comandi touch, oppure attraverso il telecomando incluso. In questo caso al posto della funzione di umidificatore troviamo uno ionizzatore integrato: si tratta di una tecnologia che permette di ottenere una piacevole sensazione di aria fresca e ossigenata. Il serbatoio, in questo caso, ha una capacità di 3,5 litri – inferiore rispetto al modello precedentemente presentato. Ciò significa che sarà necessario ricaricarlo più frequentemente. Tuttavia anche i consumi sono inferiori, con una potenza massima assorbita di 65 W a fronte di un livello di rumorosità pressoché uguale, ovvero 64 dB. Utile funzione extra è il timer integrato fino a 12 ore.

Il raffrescatore di Olimpia Splendid è venduto al prezzo di 118,89 euro

Klarstein Whirlwind – Raffrescatore evaporativo

Klarstein Whirlwind – Raffrescatore evaporativo

Cresce il prezzo per questo raffrescatore a marchio Klarstein, che si presenta come un ottimo dispositivo 3 in 1: ventilatore, raffrescatore evaporativo e umidificatore. Tre funzioni in un unico apparecchio che ha come obiettivo quello di offrire freschezza mirata durante ogni attività e in qualsiasi momento della giornata. Sono disponibili tre diverse velocità – regolabili attraverso il telecomando incluso oppure con il pannello di controllo a sei tasti – con flusso d’aria fino a 1600 m³/h, molto più potente rispetto alle controparti più economiche. Il produttore indica questo raffreddatore come ideale in caso di aria secca, grazie alla vaporizzazione dell’acqua in grado di incrementare l’umidità dell’ambiente – anche durante la stagione invernale. Ciò significa che può essere utilizzato senza problemi durante tutto l’anno e in presenza di qualsiasi temperatura.

Il serbatoio – estraibile – possiede una capacità di 5,5 litri, abbastanza per una freschezza duratura senza rabbocchi frequenti. Il raffrescatore è inoltre realizzato con piastre eutettiche che forniscono maggiore capacità refrigerante ed è fornito di filtro antipolvere lavabile. In termine di consumi, la potenza massima è di 90 W. Il design è elegante e soprattutto portatile (dimensioni: 41 x 90 x 27 cm), dotato di quattro rotelle a 360°, cavità di impugnatura ai lati e avvolgicavo. Fra le funzioni extra troviamo la modalità naturale che simula il movimento del vento e notturna con riduzione graduale fino allo spegnimento. È disponibile anche un timer regolabile da 0,5 h a 7,5 h.

Il prezzo per il Klarstein Whirlwind è di 156,99 euro

Klarstein Skytower 360° Smart

Klarstein Skytower 360° Smart

Per chi è alla ricerca della tecnologia più avanzata, il raffrescatore smart di Klarstein 4 in 1 è il prodotto ideale. La caratteristica che lo differenzia dagli altri modelli, infatti, è la presenza di Wi-Fi integrato che permette una pratica gestione da smartphone tramite applicazione dedicata. Dal lato tecnico, il raffrescatore presenta un potente flusso d’aria di 450 m³/h regolabile su tre velocità diverse attraverso app, telecomando o pannello touch intuitivo con display posto sul lato superiore. Sono inoltre disponibili tre diverse modalità: normale, naturale che simula un vento reale e notturna con graduale diminuzione della velocità massima. Per le ore di sonno è presente anche un pratico timer con spegnimento automatico in intervalli di un’ora, fino ad un massimo di nove ore. Il funzionamento del dispositivo è molto semplice ed intuitivo ed è presente un grande serbatoio dalla capacità fino a 6 litri. L’acqua viene poi vaporizzata attraverso un pad umidificante incluso che permette così di rimuovere il calore dall’aria nella stanza.

La struttura interna presenta anche due piastre eutettiche che hanno come funzione quella di abbassare la temperatura dell’acqua all’interno del serbatoio. Oltre ad essere un raffrescatore, il prodotto si comporta anche da umidificatore – ideale per l’aria secca invernale – e da ionizzatore, rimuove polveri e odori dall’aria grazie all’emissione di ioni. Il comodo design a torre (dimensioni: 25 x 90 x 30 cm) e le quattro rotelle lo rendono perfetto per essere trasportato in tutta la casa, mentre il sistema di oscillazione verticale e orizzontale si occuperà di rinfrescare ogni angolo della stanza in modo omogeneo. La potenza massima assorbita è di 60 W, mentre la rumorosità in questo caso è leggermente più elevata, pari a 55 dB.

Il prezzo non è economico, ma comunque giustificato dall’ottima qualità e dalle funzioni extra (come il Wi-Fi) del prodotto: 219,99 euro

PATISZON Mini Condizionatore portatile

PATISZON Mini Condizionatore portatile

Per chi cerca una soluzione portatile e poco costosa c’è il pratico mini raffrescatore ad anello dalle dimensioni davvero contenute: solamente 13 x 29 cm. Ovviamente non è in grado di raffreddare un’intera stanza, ma è perfetto per luoghi piccoli come la scrivania di casa o dell’ufficio. Dispone di tre velocità (bassa, media e veloce) e due modalità, vento naturale e vento freddo. La portata d’aria, tuttavia, è molto ridotta viste le dimensioni e raggiunge un massimo di 4 m/s. Anche il serbatoio è piuttosto piccolo, dalla capacità massima di 420 ml, sufficiente per un funzionamento dalle 2 alle 4 ore senza rabbocchi. La tanica è facile da pulire ed è realizzata in materiale ABS di alta qualità che riduce il rischio di perdite d’acqua. Il prodotto è economico anche nel consumo e raggiunge una potenza massima di 15.6 W, alimentato dall’adattatore incluso nella confezione. Anche in termini di rumorosità è buono (massimo 50 dB), ma potrebbe fare di meglio. Altre comode funzioni extra sono il timer di 2 o 4 ore e una comoda luce LED colorata incorporata, perfetta per essere utilizzata come luce notturna.

Il prezzo per questo mini raffrescatore portatile è di 45,99 euro. Ottimo per gli spazi piccoli e per rinfrescare zone ridotte della casa.

Cos’è un raffrescatore evaporativo

Quando il caldo si fa sentire, normalmente accendiamo un ventilatore o – in alternativa – il condizionatore. Tuttavia esiste un’alternativa non solo più economica (anche in termini di consumo energetico), ma anche più naturale: parliamo del raffrescatore evaporativo, altrimenti conosciuto come “ventilatore evaporativo”. Questo apparecchio non utilizza gas refrigeranti nocivi o compressori per abbassare all’interno della casa, bensì un semplice serbatoio d’acqua con un filtro.

Come funziona un raffrescatore evaporativo

Il raffrescatore evaporativo sfrutta un principio che in termodinamica è noto come “raffreddamento adiabatico” che permette la refrigerazione attraverso lo scambio di energia tra acqua e aria. Dal punto di vista pratico, l’apparecchio è dotato di una ventola interna che aspira l’aria e la filtra, spingendola verso un pannello evaporativo grazie all’acqua presente nel serbatoio. Così facendo, l’aria viene raffreddata e la temperatura esterna si abbassa. Il funzionamento dunque è completamente naturale, a differenza dei condizionatori che invece fanno uso di gas refrigerante. Sebbene la differenza di prestazioni sia netta, il raffrescatore evaporativo è un’ottima soluzione per tutti gli ambienti di casa.

I vantaggi e gli svantaggi di un raffrescatore evaporativo

Prima di acquistare un raffrescatore evaporativo, è necessario fare il punto sui vantaggi e gli svantaggi di questo rivoluzionario strumento per la casa. Innanzitutto si tratta di un prodotto economico, con un range di prezzo che varia dai 40 ai 250 euro. Il risparmio è assicurato anche sulla bolletta, dal momento che si tratta di un oggetto a basso consumo energetico. La semplicità d’uso è il secondo, importante vantaggio: non c’è bisogno di essere esperti o di chiamare un tecnico per installarlo. Anche la manutenzione è piuttosto pratica ed immediata. La maggior parte dei modelli, inoltre, è portatile ed è possibile trasportarlo da una stanza all’altra senza particolari problemi. Potrai così rinfrescare più ambienti di casa in maniera completamente naturale.

Tuttavia, ogni medaglia ha il suo lato negativo. A differenza dei condizionatori d’aria, la temperatura non può essere regolata a piacere. Inoltre, per via del suo principio di funzionamento, il livello di umidità all’interno della stanza aumenta di molto: ciò potrebbe essere un problema per alcuni luoghi già naturalmente umidi, come il bagno, nei quali il raffrescatore non è la soluzione più efficiente sul mercato. Sebbene possa essere trasportato comodamente in tutte le stanze della casa, è preferibile posizionarlo in ambienti piuttosto ampi e con finestre e/o porte sempre aperti affinché la ventilazione della stanza sia sempre adeguata. Infine, pulizia e manutenzione devono essere piuttosto frequenti per evitare l’emissione di cattivo odore.

Come scegliere un raffrescatore

I modelli in commercio sono tanti ed è possibile trovare tante varietà di raffrescatori evaporativi. Se stai pensando di acquistarne uno, ecco una serie di caratteristiche da considerare per scegliere quello più adatto alle esigenze della tua casa. Sono tre gli elementi fondamentali: potenza, capacità e portata. Per quanto riguarda la potenza, scegliere un apparecchio adatto alle dimensioni della stanza (che, idealmente, non devono superare i 30 mq) è fondamentale affinché tutto lavori nel modo più efficiente possibile. Una potenza troppo debole offrirà prestazioni inefficaci, mentre una troppo elevata potrebbe compromettere gli effettivi vantaggi. Parlando invece di capacità del serbatoio, è bene sapere che varia a seconda della potenza. Una capienza maggiore è sinonimo di qualità migliore. Terzo punto è la portata d’aria: i valori medi che dobbiamo cercare in un raffrescatore sono tra i 150 e i 200 mc/h. Una portata più alta significa raffreddamento efficiente.

Altro importante elemento è la velocità di ventilazione, che alcuni modelli permette di controllare e anche modularne la direzione. Anche la rumorosità fa la sua parte: se optate per un raffrescatore potente, non aspettatevi che sia troppo silenzioso. Esistono tuttavia modelli con modalità notturna integrata che permette di ridurre il rumore nelle ore di sonno. Il consumo energetico, come abbiamo accennato, è simile a quello di un ventilatore. Apparecchi più economici consumano fino a 5W, mentre quelli più grandi e potenti non superano in genere i 100W. Ultimo, ma non importanza, il peso e la dimensione. Soprattutto per la casa, è importante scegliere modelli portatili e non troppo ingombranti, meglio ancora se presentano ruote o maniglie per essere trasportati comodamente da una stanza all’altra.

La gestione e manutenzione del raffrescatore

La gestione, così come l’installazione, è piuttosto semplice e può essere suddivisa in tre operazioni principali. Tuttavia è importante che la manutenzione sia frequente ed adeguata affinché il raffrescatore non emetta cattivi odori dovuti al filtro sporco. La prima operazione prevede lo svuotamento e la pulizia regolare del serbatoio, soprattutto se presenta tracce di calcare al suo interno. Dopodiché è il turno del pannello umidificatore, che va pulito almeno una volta al mese (o più, a seconda della durezza dell’acqua). Infine c’è il filtro, che deve essere adeguatamente spolverato e lavato con acqua a cadenza regolare. Ovviamente, in caso questi elementi non siano più funzionali vanno prontamente sostituiti con pezzi nuovi.

Considerazioni conclusive

Il raffrescatore evaporativo non è sicuramente paragonabile ad un condizionatore, ma è sicuramente un’alternativa molto più economica ed efficace per diminuire la temperatura in casa quando il caldo inizia a farsi sentire. Il suo vantaggio più grande è il suo funzionamento al 100% naturale: basterà attaccarlo alla presa della corrente e aggiungere l’acqua al serbatoio integrato per ottenere una piacevole diminuzione di temperatura. Tuttavia non è adatto a tutti i tipi di ambienti: dal momento che il suo funzionamento porta anche all’aumento dell’umidità nell’aria, se la stanza è già di per sé umida le prestazioni del dispositivo non saranno ottimali. Il prezzo è piuttosto economico ed esistono raffrescatori di qualsiasi dimensione e adatti a tutte le tasche.

Domande frequenti sui raffrescatori evaporativi

Cosa vuol dire Raffrescatore evaporativo?

Il raffrescatore evaporativo è un apparecchio che permette di raffreddare l’aria all’interno di una stanza senza utilizzare gas refrigeranti nocivi o compressori, bensì un semplice serbatoio d’acqua con un filtro.

Che differenza c’è tra Raffrescatore e condizionatore?

Il condizionatore è un impianto costoso e che consuma molta energia. Il raffrescatore è un dispositivo portatile che utilizza un sistema di raffreddamento completamente diverso e naturale, sebbene non sia in grado di raffreddare superfici troppo estese – a differenza del condizionatore.

Quali sono i migliori Raffrescatori?

I modelli sono tantissimi: fra le marche più rinomate troviamo Black+Decker, Olimpia Splendid e Klarstein.

Come si usa il Raffrescatore?

Il suo funzionamento è molto semplice ed intuitivo. Per prima cosa è necessario riempire il serbatoio d’acqua, meglio fredda, oppure del ghiaccio se il modello è predisposto. Dopodiché basterà collegare l’apparecchio alla rete elettrica e regolare il livello di potenza in base alle proprie preferenze. Per favorire la circolazione dell’aria, è necessario tenere porte e finestre aperte.

Quanto consuma un raffrescatore ad acqua?

Il consumo energetico di un raffrescatore ad acqua è molto basso e simile a quello di un ventilatore semplice: parliamo dai 5 W per i modelli più piccoli ed economici fino ai 100 W per quelli più grandi.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

2022-04-02 07:00:17
Link copiato negli appunti