loading

Ristrutturare il sottotetto: ad ogni lavoro, il suo permesso

Lavoro che fai, permesso che trovi: ecco quali avere prima di iniziare lavori di ristrutturazione del sottotetto o della mansarda di casa.
Lavoro che fai, permesso che trovi: ecco quali avere prima di iniziare lavori di ristrutturazione del sottotetto o della mansarda di casa.

Quali permessi servono per ristrutturare un sottotetto? Chi ha la fortuna di avere un sottotetto o una mansarda e sta pensando a ristrutturarlo, può godere delle detrazioni fiscali prorogate a tutto il 2021 nella misura più alta ossia al 50% e con limite massimo di spesa di 96mila euro.

Collegato alla ristrutturazione poi c’è il bonus mobili, la detrazione fiscale al 50% per l’acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici con limite massimo di spesa aumentato quest’anno dall’ultima legge di bilancio da 10mila a 16 mila euro. Ma pria di iniziare i lavori è bene sapere quali permessi servono visto che non trattandosi di un intervento di edilizia libera necessita di specifiche autorizzazioni.

Ristrutturare il sottotetto: quali permessi avere

I permessi richiesti variano a seconda del tipo di intervento che si intende realizzare. Così per lavori edilizi definiti leggeri, ad esempio la redistribuzione interna dei locali della tua mansarda creando nuove stanze con cartongesso, ma senza modificarne gli elementi strutturali, basta la CILA, acronimo di Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata. Altri lavori che richiedono la CILA sono ad esempio nuovi allacciamenti o rifacimento di fognature esistenti; il riordino degli spazi interni con spostamento di tramezzi e divisori non portanti, la creazione di controsoffitti in cartongesso, installazione e posa in opera di una canna fumaria; il rifacimento degli impianti elettrico, idrico, di riscaldamento, di  condizionamento, antintrusione.

In caso di lavori pesanti, come ad esempio la ristrutturazione edilizia consistente che porti a realizzare un edificio del tutto o solo in parte diverso dal precedente e che comporti modifiche della volumetria complessiva degli edifici o dei prospetti (come ad esempio il rifacimento del tetto, l’apertura di una nuova porta o finestra su muro portante, la creazione di un solaio, il consolidamento di fondazioni, pilastri o travi, serve la Scia, la Segnalazione certificata di Inizio attività.

 

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

2021-06-10 07:05:21
Link copiato negli appunti