loading

Bonus mobili anche per il condominio?

Prorogato per tutto il 2021 il bonus mobili, l'agevolazione fiscale per chi ristruttura casa e acquista mobili nuovi e grandi elettrodomestici.
Prorogato per tutto il 2021 il bonus mobili, l'agevolazione fiscale per chi ristruttura casa e acquista mobili nuovi e grandi elettrodomestici.

Ristrutturare casa e comprare mobili nuovi e grandi elettrodomestici con il bonus mobili. Anche per il 2021 è possibile fruire della detrazione Irpef per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni e lavasciuga), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

Bonus mobili 2021: di cosa si tratta

Il bonus mobili deve essere calcolato su un importo massimo di 10.000 euro, comprensivo delle eventuali spese di trasporto e montaggio, e deve essere ripartita in dieci quote annuali di pari importo. Per il 2021 il tetto di spesa su cui calcolare la detrazione è elevato a 16.000 euro. Può beneficiare della detrazione chi acquista mobili ed elettrodomestici nuovi nel 2021 e ha realizzato interventi di ristrutturazione edilizia a partire dal 1° gennaio 2020.

Con il bonus mobili si possono acquistare mobili nuovi (letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione) e grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+, (A o superiore per i forni e lavasciuga), come frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavasciuga, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento. La detrazione spetta anche quando i beni acquistati sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio, oppure quando i mobili e i grandi elettrodomestici sono destinati ad arredare l’immobile ma l’intervento cui è collegato l’acquisto viene effettuato su una pertinenza dell’immobile stesso, anche se accatastata autonomamente.

Bonus mobili: e per il condominio?

Condizione indispensabile per avere il bonus mobili è quello di realizzare una ristrutturazione edilizia sull’immobile, sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici, sempre residenziali.

In quest’ultimo caso, quando si effettua un intervento sulle parti condominiali (per esempio, guardiole, appartamento del portiere, lavatoi), i condòmini hanno diritto alla detrazione, ciascuno per la propria quota, solo per i beni acquistati e destinati ad arredare queste parti. Il bonus mobili non è concesso, invece, se acquistano arredi per la propria abitazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

2021-06-28 08:19:10
Link copiato negli appunti