loading

Come togliere le macchie di inchiostro

Macchie sui tessuti o superfici di casa? Niente paura: ecco come rimuovere l'inchiostro utilizzando metodi classici e naturali.
Macchie sui tessuti o superfici di casa? Niente paura: ecco come rimuovere l'inchiostro utilizzando metodi classici e naturali.

Togliere macchie di inchiostro da superfici e tessuti può essere una sfida ardua, ma con la giusta pazienza ed i giusti accorgimenti liberarsi di antiestetici aloni e macchie sarà un gioco da ragazzi. Innanzitutto bisogna considerare quale inchiostro che andremo a trattare, perché a tipologie diverse corrispondono rimedi differenti: ciò che li accomuna è la rapidità di esecuzione, ovvero prima si tratta la parte macchiata, migliore sarà il risultato finale.

I tessuti sono generalmente i più macchiati, specialmente da bambini e ragazzi. Anche qui entra in gioco la rapidità: se le macchie di inchiostro sono fresche, è possibile trattarle immediatamente con borotalco da rimuovere attentamente con una spazzola una volta trascorsi 30 minuti. Un altro prodotto da bagno utile a smacchiare le magliette è la lacca per capelli, spruzzata direttamente sulla parte da trattare (magari proteggendo il retro inserendo un fazzoletto di carta all’interno). Il latte fresco è un ulteriore “rimedio della nonna” che vale la pena provare. Bisogna immergere il capo macchiato in una bacinella colma di latte, lasciandolo agire per 30 minuti; dopo un lavaggio in lavatrice, il tessuto dovrebbe tornare come nuovo. Anche succo di limone e sale, se versati direttamente sulla macchia, possono fare miracoli in particolare quando le macchie di inchiostro provengono da timbri e cartucce di stampante, tra le più ostinate.

Quando i rimedi naturali non funzionano, è necessario passare a prodotti chimici più aggressivi. Per i capi bianchi di cotone, 15 minuti in candeggina a base ossigenata dovrebbero bastare per una rimozione completa dell’inchiostro. Altre soluzioni coinvolgono l’ammoniaca, l’acido ossalico e l’acqua ossigenata. È importante, in ogni caso, evitare di strofinare la macchia per evitare che possa diffondersi ulteriormente. È bene, invece, tamponarla delicatamente con un panno o dei fazzoletti all’occorrenza. Quando si utilizzano soluzioni chimiche, risciacquare bene i capi in lavatrice per eliminare ogni residuo potenzialmente irritante. Le macchie d’inchiostro di china sono fra le più ostiche e vanno trattate il più rapidamente possibile: quando è ancora fresca, applicare aceto bianco oppure un composto di ammoniaca diluita in dieci parti di acqua permette di salvare il tessuto che – altrimenti – rischia una macchia permanente.

Un discorso a parte va fatto per le superfici ed i mobili di casa, molto più facili da trattare rispetto ai tessuti. Per legno e pavimenti in parquet potrebbe bastare inumidire l’area con acqua tiepida e passare un panno imbevuto di aceto bianco. Quando la macchia riguarda invece tappeti, pavimenti e moquette la farina può venire in nostro aiuto: versandola sull’area “incriminata” con l’aggiunta di succo di limone, sarà in grado di assorbire lo sporco e l’alone sparirà del tutto dopo un lavaggio con abbondante acqua. Per macchie di inchiostro sul pavimento è possibile fare ricorso anche all’acido cloridrico, da applicare con uno straccio, oppure una soluzione di acqua ed ammoniaca.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

2021-05-21 07:00:37
Link copiato negli appunti