loading

Migliori vernici per legno: esterno e interno (la guida)

La scelta della giusta vervice per legno deve tenere conto di molti fattori vediamo i consigli dei nostri esperti per preservarne la natura e le caratteristiche che lo contraddistinguono.
La scelta della giusta vervice per legno deve tenere conto di molti fattori vediamo i consigli dei nostri esperti per preservarne la natura e le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Sul mercato esistono molte tipologie di vernici per legno, spesso adatte sia ad ambienti interni che esterni, ma per orientarsi in questo vasto panorama sono necessari dei consigli, soprattutto se si è principianti.

Il legno è un materiale da trattare con cura perché è soggetto ad ogni variazione di temperatura ed umidità. E’ importante quindi scegliere un prodotto tenendo ben presenti le condizioni ambientali a cui sarà più esposto. Però nel caso di legni antichi da restaurare e preservare è necessario rivolgersi a dei professionisti, perché questi prodotti non sono adatti.

Come scegliere le vernici per legno

vernici legno

Vernici per legno per esterno

Per verniciare arredi e strutture di legno collocati all’aperto (per es. persiane, infissi, porte esterne, arredi da giardino, pergolati, recinzioni..) bisogna tenere conto del clima, dell’esposizione a sole, umidità e salsedine e dell’usura, questo soprattutto nel caso di pavimenti. I prodotti più indicati e pratici sono sicuramente gli impregnanti, trasparenti o colorati, ma possono essere usati anche smalti molto resistenti, tenendo presente però che la pellicola che formano sulla superficie col tempo tenderà a screpolarsi e staccarsi. Meglio optare per prodotti all’acqua a minor impatto ambientale che creano anche meno problemi al momento della pulizia degli attrezzi e dello smaltimento di scarti e rimanenze.

Vernici per legno per interno

Per verniciare il legno in spazi interni ((pavimenti, travi, porte, mobili..) la scelta dei prodotti da utilizzare è molto più vasta, non essendo esposto ad agenti atmosferici. Per gli interni bisogna scegliere prodotti ancora meno tossici e con il livello di COV (composti organici volatili) più basso possibile. Questo per evitare di inalare sostanze tossiche, soprattutto in presenza di bambini e animali domestici. Esiste una vasta gamma di prodotti a base d’acqua, come impregnanti, smalti e chalk paint (specifiche per mobili), per lo più inodore e facile da applicare.

Tipologie di vernici per legno

paint cans

Di vernici per legno ce ne sono di diversi tipi e per diversi utilizzi, per interni o esterni, all’acqua o a solvente, trasparenti, satinate o lucide, eco sostenibili, ma tutte sono studiate per esaltare la bellezza del legno e proteggerlo dagli elementi e dal tempo, vediamo quelle più comunemente usate.

Smalti all’acqua e a solvente

Gli smalti per legno possono essere a solvente o ad acqua. In passato le pitture a solvente erano preferite per la loro maggiore resistenza e durata nel tempo ma oggi questa differenza non esiste quasi più. I prodotti a base d’acqua sono di gran lunga quelli più acquistati anche per una maggiore attenzione all’ambiente e alla qualità dell’aria in ambienti al chiuso. Gli smalti all’acqua sono infatti inodori ed emettono un basso livello di COV (composti organici volatili).

Lo smalto può anche essere usato direttamente sul legno carteggiato e non necessita di ulteriori protezioni data l’elevata resistenza ad usura e ad agenti atmosferici.

Nel caso di arredi oppure oggetti composti da legno e metallo (es. arredi da esterni) è possibile usare lo stesso prodotto su entrambe le superfici. Per quanto riguarda la gamma dei colori, la scelta è pressoché infinita, grazie al sistema del tintometro, ed è possibile scegliere tra finitura opaca, lucida e satinata.

  • PRO: Economici e pratici, asciugano rapidamente. Gli utensili utilizzati con gli smalti ad acqua si puliscono facilmente con la sola acqua (purché venga fatto prima possibile).
  • CONTRO: Molto coprenti, nascondono le venature  e le varie colorazioni del legno.

La diluizione degli smalti a solvente e la pulizia degli strumenti richiedono l’uso di un prodotto chimico (es. acquaragia). In questo caso, non va assolutamente gettata negli scarichi ma lasciata evaporare in un posto sicuro e per poi riutilizzare il barattolo o smaltirlo correttamente.

Alcuni smalti all’acqua possono sollevare le fibre del legno rendendolo ruvido al tatto ma basta carteggiare leggermente tra una mano di pittura e l’altra con della carta vetrata fine (es. 240/360).

Impregnanti

Gli impregnanti sono prodotti nati per proteggere, nutrire e allo stesso tempo esaltare le caratteristiche del legno come nodi e venature. Proprio per questi motivi, vanno usati sul legno grezzo o già trattato con impregnante e sono perfetti per una manutenzione periodica (non appena il colore sbiadisce o ingiallisce). Ne esistono a base d’acqua o a solvente, sia per interni che per esterni.

Possono essere trasparenti o colorati, sia nei toni del legno, che richiamano le varie essenze (ciliegio, mogano, noce..), sia in molte colorazioni che vanno dai bianchi e i grigi ai toni più vivaci. I colori si possono anche sovrapporre per ottenere degli effetti decorativi personalizzati pur mantenendo la trasparenza.

  • PRO: Nutrono e proteggono il legno (anche da funghi e muffe) e soprattutto esaltano le venature penetrando nelle fibre del legno e lasciandolo traspirare. Non screpolano perché non creano una pellicola e sono molto facili da applicare.
  • CONTRO: Vengono assorbiti dal legno quindi è più difficile tornare al legno naturale se non usando sverniciatori chimici o carteggiando energicamente.

Chalk paint

Per la pittura del legno esistono anche le famose Chalk paint (Da chalk = gesso, per l’effetto finale che si ottiene). Specifiche per la decorazione del mobile, attecchiscono ad ogni tipo di superficie.

Molto amate anche dai principianti, perché facilissime da usare, non richiedono la preparazione del fondo né l’uso di prodotti aggrappanti. Sono adatte ad interni ed esterni e le tinte sono miscelabili tra di loro per ottenere un’ampia gamma di colori.

  • PRO: Sono estremamente facili da usare e non richiedono alcuna preparazione del fondo. Asciugano velocemente, sono molto ecologiche (bassissimo livello di COV) ed adatte sia ad interni che ad esterni.
  • CONTRO: L’effetto finale è molto poroso e rende necessaria una protezione con cera o vernice all’acqua trasparente opaca. Sono altamente coprenti e nascondono completamente le venature e le caratteristiche del legno.

Le migliori marche di vernici per legno

Vediamo ora una serie di prodotti per la verniciatura, dalle vernici agli accessori come pennelli e rulli per stenderle.

Abbiamo selezionato le migliori marche di vernici e accessori presenti su Amazon.

Veleca LEGNOSAN CERA Noce chiaro ml. 750

veleca impregnante acqua cerato

Legnosan è un impregnante protettivo cerato per legno da esterno, inodore e a base acqua. E’ idrorepellente e adatto anche ad ambienti particolari quali mare ed alta montagna, proteggendo il legno da agenti atmosferici, muffa, funghi e parassiti. Con questo trattamento non si rende necessaria l’applicazione di una vernice di finitura. La sua atossicità lo rende adatto anche agli ambienti interni. Facilità di applicazione. Filtri di protezione dai raggi ultravioletti. Effetto finale naturale.

Prezzo Amazon: 12,00 € 

MaxMeyer  Smalto Satinato all’Acqua per Ferro, Legno e Muro, 0.125L

MaxMeyer smalto satinato all'acqua per ferro, legno, muro 0,125

Si tratta di un prodotto pronto all’uso, che asciuga velocemente e adatto ad essere usato in ambienti interni perché inodore. Il colore non ingiallisce.

Prezzo Amazon: 3,20 € 

CHALK PAINT Bianco Naturale Pittura Shabby 500 ml

CHALK PAINT

E’ un prodotto adatto ad interni ed esterni, che aderisce a qualsiasi materiale, senza bisogno di carteggiatura o preparazione del fondo. A base d’acqua e atossico, non contiene ammoniaca e solventi. Da proteggere con cera o finitura trasparente opaca della stessa casa.

Prezzo Amazon: 21,70 € 

Prodotti complementari alle vernici per legno

Prodotti complementari vernice

Gli strumenti necessari per la pittura del legno sono: pennelli (sintetici o in setola), rulli specifici per smalti e pistola da verniciatore.

Tranne che nel caso della verniciatura a spruzzo, in tutti gli altri casi è importante dare pennellate che seguano il senso delle venature del legno, tirando bene il prodotto per evitare accumuli di colore e gocciolature. Si può comunque rimediare ad ogni imperfezione carteggiando la vernice ben asciutta tra una mano e l’altra.

Set 5 Pennelli Professionali per Shabby Chic

shabby set 5 pennelli

Pennelli professionali, ideali per smalti, idropitture, chalk paint e finiture trasparenti. In setola POLIURETANICA EXTRAFINE spiumata in punta per una perfetta stesura della vernice. Pratico manico in legno e ghiera in acciaio antiruggine. Da pulire con acqua calda e sapone.

Misure: 63 + 50 + 50 inclinato + 35 + 25

Prezzo Amazon: 19,90 € 

Mini rullo per vernice in schiuma + vaschetta + pennello

Mini rullo per vernice in schiuma + vaschetta + pennello

Kit per smaltare o laccare, adatto  a raggiungere zone poco accessibili grazie alle dimensioni ridotte.

Mini rullo per vernice in schiuma da 11 cm (2 unità) con vaschetta per verniciatura che consente di scolare il rullo. Pennello da pittore n. 25 per rifinire le zone più irregolari.

Prezzo Amazon: 19,99 € 

Consigli pratici su come dipingere il legno

Nel caso si vada a ridipingere mobili o strutture in legno già verniciate, è indispensabile preparare bene la superficie carteggiando bene con la carta vetrata (es. n.180) per togliere gli strati di pittura che rischiano di staccarsi. Non è necessario arrivare al legno naturale se la vernice è stabile ma se non si è sicuri del tipo di vernice usata precedentemente è meglio rimuoverla tutta, ci sono infatti vernici incompatibili con altre, come quelle oleose che non possono fare da base a dei prodotti ad acqua. Per una rimozione totale dei vecchi strati di pittura si possono usare degli sverniciatori chimici (da lasciare agire il tempo indicato per poi raschiare via tutto con una spatola) oppure carte vetrate e levigatrici elettriche.

Se si vuole dipingere il legno con delle vernici colorate, senza precludersi la possibilità di riportarlo al colore naturale in caso di ripensamenti, è necessario isolare la superficie con una o due mani di fondo all’acqua. Questo passaggio impermeabilizza la superficie evitando che il colore penetri nelle fibre del legno macchiandolo. Dopo aver fatto asciugare la base, bisogna levigare con la carta vetrata 240 prima di passare alla pittura.

Conclusioni

La scelta del prodotto giusto per dipingere il legno deve tenere conto di molti fattori: esposizione ad agenti atmosferici, usura, risultato estetico in relazione all’ambiente circostante, scelta di prodotti più o meno ecologici e duraturi nel tempo. Il consiglio finale è comunque quello di preservarne la natura e le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

2021-03-24 13:08:08
Link copiato negli appunti