loading

Videocitofono: installazione detraibile al 50%

Il videocitofono è un dispositivo la cui installazione in casa permette di godere della detrazione fiscale al 50% fino al 31 dicembre 2021.
Il videocitofono è un dispositivo la cui installazione in casa permette di godere della detrazione fiscale al 50% fino al 31 dicembre 2021.

Fino alla fine dell’anno si può acquistare e installare un videocitofono in casa fruendo della detrazione fiscale al 50%. Ma occorre rispettare precise condizioni dettate dalla legge. Andiamo nei dettagli.

Videocitofono: acquisto detraibile nella denuncia dei redditi

Il videocitofono è un citofono collegato a un impianto televisivo a circuito chiuso e provvisto di un piccolo monitor, sul quale è visibile la persona che ha azionato il pulsante di chiamata all’ingresso dell’abitazione.

Chi installa un videocitofono in casa può usufruire di un’agevolazione fiscale pari al 50% della spesa sostenuta fino al 31 dicembre 2021. Trattasi della detrazione fiscale per lavori di ristrutturazione che vale anche in caso di interventi relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi.

Per “atti illeciti” si intendono quelli per esempio, furto, aggressione, sequestro di persona e ogni altro reato la cui realizzazione comporti la lesione di diritti giuridicamente protetti. Per fruire della detrazione è necessario che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario o postale detto parlante da cui risultino la causale del versamento, con riferimento alla norma (articolo 16-bis del Dpr 917/1986), insieme al  codice fiscale del beneficiario della detrazione  e al codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento. Sul bonifico si applica una ritenuta d’acconto all’8%.

La detrazione fiscale viene ripartita in dieci quote annuali nella dichiarazione dei redditi. In linea generale i lavori di ristrutturazione permettono di avere il bonus mobili, la detrazione fiscale al 50% per l’acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici destinati ad arredare l’immobile oggetto di lavori di recupero. L’installazione o la sostituzione del videocitofono consente l’applicazione del bonus mobili ma solo se inerente a un’abitazione unifamiliare e non a un condominio. Quindi chi installa un videocitofono in casa può acquistare la cucina nuova o rifare la stanza da letto, fruendo del bonus mobili al 50%.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

2021-05-17 07:20:20
Link copiato negli appunti