loading

Vernice per pavimenti: guida alla scelta della migliore

La vernice per pavimenti è una preziosa alleata per rinnovare le superfici: come sceglierla e ottenere un risultato da professionista.
La vernice per pavimenti è una preziosa alleata per rinnovare le superfici: come sceglierla e ottenere un risultato da professionista.

Creare in autonomia il restyling di un ambiente senza avviare impegnativi lavori di ristrutturazione: la vernice per pavimenti permette di raggiungere questo obiettivo in modo facile ed economico, affidandosi al proprio gusto e ai prodotti più efficaci che assicurano un risultato da professionista e una lunga durata nel tempo. Con una vernice per pavimenti effetto legno, ad esempio, è possibile conferire alle superfici un look curato e moderno, facile da abbinare a qualsiasi tipo di arredamento.

Una copertura realizzata ad hoc è sempre in grado di valorizzare ogni tipologia di superficie, contribuendo a renderla più resistente ma anche a eliminare eventuali difetti. L’importante è ricorrere a materie prime di qualità e seguire alcune linee guida che garantiscono il successo dell’operazione.

Perché rinnovare la vernice del pavimento

Pavimento piastrelle cucina

Come rinnovare il pavimento senza sostituirlo? È una domanda molto comune che deriva da un’esigenza condivisa: donare un nuovo aspetto alla pavimentazione. Sia perché soggetta a usura sia per soddisfare il desiderio di riprogettare gli spazi della propria abitazione, dell’ufficio o del garage. In ogni caso, una possibile soluzione è data dalla vernice per piastrelle, pavimenti in parquet o laminato, superfici in marmo o cotto solo per fare alcuni esempi. La scelta della tecnica e del tipo di verniciatura da utilizzare dipende ovviamente dalle caratteristiche delle superfici, ma anche dall’effetto che si vuole ottenere.

I vantaggi che derivano dalla realizzazione di una copertura con vernice sono numerosi, primo tra tutti la già citata semplicità di utilizzo. Si aggiungono anche la capacità di rendere il pavimento impermeabile e di potenziarne la resistenza agli urti e ai colpi, così come l’effetto protettivo contro gli agenti chimici contenuti in molti prodotti detergenti.

La scelta della vernice per pavimenti

Pavimento piastrelle

Esistono diverse tipologie di vernice per pavimenti, tutte in grado di creare una copertura colorata, trasparente o parzialmente trasparente che può lasciare intravedere il supporto originario.  È una miscela di resine e altri componenti che hanno bisogno di un elemento catalizzatore per essere attivate. In commercio è possibile reperire le vernici liquide, pronte per essere attivate, oppure vendute allo stato solido e attivabili una volta diluite in acqua. Per quanto riguarda la composizione, le vernici si possono distinguere in:

  • vernici epossidiche, a base di resine epossidiche ottenute miscelando resina e indurente. È una soluzione biocomponente molto resistente e ideale per l’esterno, grazie alla capacità di resistere all’azione degli agenti atmosferici. Non è tra le vernici per pavimenti più economiche e può una certa abilità nella fase di applicazione, che solitamente richiede due passate;
  • vernici acriliche, molto adatte per pavimentazioni interne o esterne e caratterizzate da una notevole rapidità di applicazione. Spesso richiedono una sola passata e assicurano una notevole resistenza. Unico neo è la tendenza a scolorirsi a causa dei raggi solari, tanto che non si rivelano molto idonee per la copertura di superficie esposte al sole diretto;
  • vernici poliuretaniche, sono versatili e ideali sia per l’interno sia per l’esterno. Economiche e facili da applicare, richiedono tempi di asciugatura medio-lunghi.

È possibile raggruppare le vernici per pavimenti anche in base all’effetto coprente e alla tipologia di pavimentazione. Esistono le vernici vetrificanti per le superfici in legno, per il parquet e i laminati con effetto lucido oppure opaco. Lo smalto, invece, è adatto per la copertura delle piastrelle nelle varianti per interni ed esterni. Può capitare, ad esempio, di avere l’esigenza di rinnovare la pavimentazione del balcone usando una vernice per pavimenti, garage esposti all’umidità o cantine prive di fonti illuminazione naturale.

Vernice per pavimenti effetto legno

Contrariamente a quanto accade nel caso della vernice per pavimenti in cemento, in presenza di parquet è preferibile utilizzare un trattamento specifico chiamato vetrificatura: è una tecnica che permette di coprire la superficie con uno strato protettivo e lucido, molto resistente al calpestio e ai graffi, impermeabile e lavabile. Il trattamento può essere usato sia sul parquet nuovo sia su quello più vissuto, adoperando prodotti specifichi per interni ed esterni. In ogni caso è necessario effettuare una levigatura preventiva in modo da preparare la superficie a ricevere la vernice vetrificante.

Vernice per piastrelle

Per molti ambienti della casa, come il bagno e la cucina, le vernici per piastrelle rappresentano le soluzioni ideale per rinnovare le superfici e riportarle a nuovo senza effettuare interventi invasivi. È possibile optare per soluzioni pronte all’uso che non richiedono trattamenti particolari prima di essere utilizzate, che si asciugano rapidamente e che possono resistere all’azione dell’umidità e ai lavaggi frequenti. Anche la varietà di tonalità è un vantaggio della vernice per pavimenti, colori che hanno il potere di creare un nuovo look in modo facile ed economico. In commercio è possibile reperire specifici smalti, che sono in grado non solo di ridare brillantezza alle piastrelle ma anche di indurirle e renderle resistenti a lungo. Facili da applicare, sono coprenti fin dalla prima passata. Le resine, inoltre, hanno un costo superiore ma vengono usate quando si ha la necessità di ottenere un effetto indurente elevato, inoltre riescono a riempire le fughe e creare pavimentazioni omogenee. Possono essere usate sulle piastrelle di vari materiali, dal gres al marmo.

Vernice per pavimenti interni

Prima di acquistare una vernice è importante valutare la finalità d’uso, infatti esistono prodotti specifici per coprire superfici interne e altre soluzioni adatte alle pavimentazioni esposte agli agenti atmosferici. La vernice epossidica per pavimenti, ad esempio, è una soluzione biocomponente a base di resine epossidiche che può essere utilizzata con successo in entrambi i casi, grazie alla capacità di aderire al supporto in modo ottimale, di resistere all’acqua e di non subire la corrosione causata dagli agenti esterni.

Vernice per pavimenti esterni

Le vernici per pavimenti esterni devono garantire una resistenza notevole, tuttavia la tipologia da utilizzare dipende dal materiale di composizione della superficie da coprire. Può essere cemento ma anche in legno, pasti pensare alle zone circostanti le piscine interrate. In particolare, la vernice per esterni deve sopportare l’azione dei raggi UV.

Vernice per pavimenti in cemento

Anche i pavimenti in cemento possono trarre molti benefici dall’uso di una vernice, che rende le superfici lisce e resistenti. Si utilizzano solitamente resine poliuretaniche avendo cura di stuccare eventuali crepe e di rasare la pavimentazione prima di stendere la vernice. Sono prodotti molto resistenti alle abrasioni.

Vernice per pavimento del garage

Per coprire e rinnovare la superficie del garage è possibile utilizzare vernici molto resistenti che possano sopportare pressioni notevoli, basti pensare ai pneumatici. Se il garage è usato come laboratorio, inoltre, è indispensabile optare per vernici resistenti ai solventi che non possano essere intaccate facilmente.

La scelta del colore

Pavimento cucina

La scelta del colore della vernice per pavimenti dipende da numerosi fattori, come il gusto personale e l’effetto che si desidera ottenere. Se l’esigenza è quella di lucidare una superficie senza alterarne l’aspetto, è consigliato l’uso di vernici trasparenti non coprenti. Gli smalti, inoltre, sono facilmente reperibili in varie tonalità che hanno un elevato potenziale coprente, utile per mascherare imperfezioni che non possono essere corrette. Ogni vernice, inoltre, è solitamente disponibile in varie tipologie di finitura:

  • lucida;
  • opaca;
  • satinata.

I prezzi

La spesa complessiva per verniciare una superficie pavimentata varia sia in base ai metri quadri da coprire sia alla tipologia di vernice utilizzata. A incidere è anche la necessità di passare il prodotto più di una volta, procedura richiesta nella maggioranza dei casi. Ecco alcuni esempi:

  • vernice epossidica per piastrelle (5 kg): su Amazon a 89,90  euro 
  • vernice per cemento base resina (5 kg): su Amazon a 99,90  euro 
  • smalto per pavimenti (4 litri): su Amazon a 55,99  euro 
  • vetrificatore per parquet finitura satinata (0.75 litri): su Amazon a 21,67  euro 

Verniciature del pavimento: consigli pratici

Vernice Pavimento

La verniciatura del pavimento è un’operazione relativamente facile da portare a termine, tuttavia è indispensabile seguire le istruzioni indicate sulle confezioni dei singoli prodotti soprattutto per preparare la soluzione da stendere. È anche necessario attendere scrupolosamente i tempi di asciugatura, sia tra una passata e l’altra sia a verniciatura completata.

Prima di iniziare il trattamento, inoltre, è utile preparare le superfici per accogliere il prodotto al meglio: oltre alla pulizia (fughe comprese) è importante riparare eventuali crepe o imperfezioni, procedendo poi con la delimitazione dello spazio in modo da ricoprire tutte le zone che non devono essere coperte dalla vernice. La stesura della vernice per pavimenti, infine, può essere effettuata utilizzando dei pennelli o meglio i classici rulli.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

2021-06-15 07:00:55
Link copiato negli appunti