loading

Tasselli

Come sono fatti i tasselli, comunemente noti come stop, quali sono i loro utilizzi più consueti e alcuni consigli per scegliere il tassello giusto.
Come sono fatti i tasselli, comunemente noti come stop, quali sono i loro utilizzi più consueti e alcuni consigli per scegliere il tassello giusto.

I tasselli (comunemente detti stop) completi della rispettiva vite, sono gli accessori che reggono i pensili della cucina, gli specchi nei bagni, i lampadari al soffitto ecc. In commercio ne sono disponibili molti tipi e si differenziano dal materiale di cui sono fatti, dal diametro, dalla forma, ma soprattutto dallo scopo per il quale sono stati creati.

I tasselli in figura sono tra i più usati nel settore elettrico.

tasselli stop vite

A) Si usa sui muri divisori o sui soffitti, dove è facile trovare ampie zone di vuoto lungo le pareti del foro. La vite fa presa impanando sulla parte finale del tassello e avanzando avvicina sempre più i due estremi, obbligandolo ad espandersi nella zona centrale, impedendone la fuoriuscita.

B) Il classico tassello a “V”, si usa nei fori fatti su mattoni, cemento e su tutti i materiali pieni, o meglio che non presentino lungo le pareti del foro, degli spazi vuoti. Una volta alloggiato il tassello, si applica la rispettiva vite, la quale avanzando tende a dilatare il tassello comprimendolo sulle pareti del foro. Quest’effetto ha inizio nella parte centrale del tassello e si accentua a mano a mano che la vite avanza verso la fine. Il punto di maggiore forza sarà dato dalla parte finale del tassello.

Particolare attenzione meritano i tasselli per il cartongesso.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

2010-04-22 13:24:57
Link copiato negli appunti